Divieto di fumo in ufficio

Divieto di fumo in ufficio2 Minuti di Lettura

Il divieto di fumo è uno degli argomenti di assoluto interesse per la salvaguardia della salute e sicurezza nelle attività d’ufficio.

Fondamentali inoltre sono la gestione del fumo di tabacco, gli effetti del fumo passivo e i comportamenti da tenere in caso di emergenza.

Il fumo in ufficio: un nuovo rischio

Tra i rischi sul lavoro presenti negli uffici collegati alla salute e sicurezza sul lavoro è quello riguardante il divieto di fumo in ufficio. Sono presenti delle indicazioni possono essere date anche in relazione alle emergenze relative al fumo di tabacco. Ovvero emergenze che possono esporre a rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori. Tali indicazioni indicano anche i giusti comportamenti da avere per evitare tali rischi.

Il fumo passivo

Uno dei temi del fumo di tabacco più rilevante riguarda il “fumo passivo”.

All’interno del documento INAIL “La gestione del fumo di tabacco in azienda” si evince che il fumo di tabacco passivo è una “combinazione del fumo proveniente dalla combustione del tabacco diluito nell’aria ambiente e di quello emesso dal fumatore. Questi due elementi contengono almeno 250 sostanze chimiche note per essere tossiche o addirittura cancerogene”.

A causa del “fumo passivo”, i soggetti non fumatori esposti “hanno un rischio del 20 – 30% di sviluppare il cancro al polmone.

All’interno del documento “Sicurezza e salute in ufficio”, pubblicato dall’Università di Bologna, si ricorda che il divieto di fumare “trova applicazione in tutti i locali chiusi dei luoghi di lavoro pubblici e privati”.

Come prevenire?

Sempre all’interno del documento sono inoltre presenti alcune indicazioni relative alle possibili norme di comportamento da tenere in caso di emergenza:

  • rispettare il divieto di fumo in ufficio e di usare fiamme libere dove prescritto;
  • verificare che mozziconi di sigaretta e fiammiferi siano ben spenti;
  • non sovraccaricare le prese di corrente con spine multiple;
  • disinserire a fine impiego le utenze elettriche e le linee o valvole dei gas tecnici;
  • non manomettere, disattivare, danneggiare e utilizzare per usi impropri impianti e dispositivi antincendio e di sicurezza;
  • mantenere sgombre da ostacoli le vie di esodo e le uscite di emergenza;
  • mantenere sgombro l’accesso ai presidi antincendio (idranti, estintori ecc.).

Sempre in caso di emergenza:

  • rimanere calmi;
  • informare subito l’incaricato dell’attuazione delle misure di emergenza il quale, nel caso, attiverà l’allarme”.