Global Medical Service

RLS - Scopri chi è il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza 

Ve lo spiego rispondendo alle domande più comuni riguardanti questa figura.

Partiamo dalla definizione di RLS

Chi è l' RLS o rappresentante dei lavoratori per la sicurezza?

La definizione di RLS contenuta nel D.Lgs. 81/08 è la seguente.

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o RLS è la persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro.

Qual è la funzione principale del RLS?

Il RLS è definito dal D. Lgs. 81/08 come la persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza territoriale durante il lavoro.

La funzione del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è definita nell’art. 18 del D. Lgs. 81/08, al comma 1 lettera n).

Questo articolo riassume l'essenza principale della figura dell' RLS che è quella di verificare per conto dei lavoratori suoi colleghi, l'applicazione delle misure di prevenzione idonee alla sicurezza ed alla protezione della salute loro salute da parte del Datore di Lavoro, di tutto il suo staff dirigenziale e delle figure della sicurezza quali RSPP, ASPP e medico competente). Inoltre l' RLS ha sempre la possibilità di verificare se il datore di lavoro ha provveduto a designare i lavoratori addetti al servizio di prevenzione nei luoghi di lavoro, all'attività antincendio, al pronto soccorso, all'evacuazione dei lavoratori e sulla formazione di tali lavoratori.


RLS


Quali sono i compiti del RLS

Questi in sintesi i compiti del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza:

  • accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni;
  • viene consultato dal datore di lavoro preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, alla individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nell'azienda ovvero unità produttiva;
  • l' RLS viene consultato sulla designazione degli addetti al servizio di prevenzione, all'attività di prevenzione incendi, al pronto soccorso, alla evacuazione dei lavoratori;
  • viene consultato quale RLS aziendale dal datore di lavoro in merito all'organizzazione della formazione degli incaricati all'attività di pronto soccorso, lotta antincendio ed evacuazione dei lavoratori da indicare anche all'interno della valutazione dei rischi;
  • l' RLS riceve dal datore di lavoro le informazioni e la documentazione aziendale inerente la valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti le sostanze e i preparati pericolosi, le macchine, gli impianti, l'organizzazione e gli ambienti di lavoro, gli infortuni e le malattie professionali;
  • in qualità di RLS riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza;
  • ogni RLS deve ricevere una formazione adeguata quale rappresentante dei lavoratori per la sicurezza;
  • promuove l'elaborazione, l'individuazione e l'attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l'integrità fisica dei lavoratori;
  • formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti;
  • l' RLS partecipa alla riunione periodica in materia di salute e sicurezza sul lavoro con il datore di lavoro, l'RSPP e il medico competente ;
  • fa proposte in merito alla prevenzione e protezione sui luoghi di lavoro;
  • è obbligato a comunicare al datore di lavoro i rischi individuati nel corso della sua attività di RLS;
  • ha la possibilità in qualità di RLS di fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione individuate nella valutazione dei rischi adottate dal datore di lavoro e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonee a garantire ad aziende o unità produttive la sicurezza durante il lavoro e l'integrità fisica dei lavoratori.

Chi nomina il RLS?

Il RLS è eletto o designato non dal datore di lavoro come erroneamente si è portati a pensare, ma generalmente dai lavoratori in tutte le aziende o unità produttive ma con delle eccezioni che vedremo in seguito.

Quali sono le modalità di nomina del RLS?

Secondo il Testo Unico un rappresentante dei lavoratori per la sicurezza può essere eletto o designato con differenti modalità di nomina, in quanto queste ultime sono stabilite dagli accordi collettivi nazionali, interconfederali, o di categoria, e dalle associazioni più importanti dei datori di lavoro e dei lavoratori.

Per le aziende:

  • da 1 a 15 lavoratori l' RLS è eletto direttamente dai lavoratori al loro interno, ma può essere eletto anche nell'ambito delle rappresentanze sindacali.
  • oltre i 15 lavoratori il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è eletto dai lavoratori nell'ambito delle rappresentanze sindacali in azienda o in mancanza delle rappresentanze sindacali, è eletto dai lavoratori della azienda al loro interno.

Cosa succede se i lavoratori non eleggono il proprio RLS?

Nel caso in cui i lavoratori non eleggano il proprio rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, si deve procedere alla nomina di un rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale chiamato anche RLST (articolo 48 del decreto e articolo 1, comma 2, lett. g) della legge 123/2007). A questo punto il datore di lavoro, procederà a darne successiva comunicazione agli organismi paritetici perché questi possano procedere all’assegnazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza territoriale come previsto dall’articolo 51 del D.Lgs 81/08.

L’esercizio delle funzioni di rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale è incompatibile con l’esercizio di altre funzioni sindacali operative.

Quanti RLS sono necessari in aziende o unità produttive?

La legge si occupa anche di definire il numero minimo previsto di Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, e li suddivide secondo questi criteri:

  • in aziende o unità produttive che impiegano sino a 200 lavoratori: 1 rappresentante;
  • in aziende o unità produttive che impiegano da 201 a 1.000 lavoratori: 3 rappresentanti;
  • in aziende o unità produttive che impiegano più di 1.000 lavoratori: 6 rappresentanti.

Chi è il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza di sito produttivo (RLSP).

In base all’art.49 del Testo Unico i RLSP appartengono a quelle realtà aziendali che si creano quando una serie di aziende o cantieri si trovano ad operare nello stesso contesto produttivo.

Per sito produttivo si intendono:

  • i porti di cui all’articolo 4, comma 1, lettere b), c) e d) della legge 28 gennaio 1994, n. 84, sedi di autorità portuale nonché quelli sede di autorità marittima da individuare con decreto dei Ministri del lavoro e della previdenza sociale e dei trasporti da emanare entro dodici mesi dall’entrata in vigore del decreto;
  • centri intermodali di trasporto di cui alla direttiva del Ministro dei trasporti del 18 ottobre 2006, n. 3858;
  • impianti siderurgici;
  • cantieri con almeno 30.000 uomini-giorno, intesa quale entità presunta dei cantieri, rappresentata dalla somma delle giornate lavorative prestate dai lavoratori, anche autonomi, previste per la realizzazione di tutte le opere;
  • contesti produttivi con complesse problematiche legate alla interferenza delle lavorazioni e da un numero complessivo di addetti mediamente operanti nell’area superiore a 500.

Nei siti produttivi il RLSP del sito deve essere nominato, tra i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza sul lavoro delle aziende operanti nel sito produttivo.

La nomina del RLS è sempre obbligatoria?

No! Non sempre

In alcune casi eccezionali non è prevista la nomina di lavoratori per la sicurezza.

Ad esempio la nomina del RLS non è obbligatoria per:

  • i lavoratori autonomi che compiono opere o servizi ai sensi dell'articolo 2222 del codice civile,
  • i coltivatori diretti del fondo,
  • i soci delle società semplici operanti nel settore agricolo,
  • gli artigiani,
  • i piccoli commercianti.

La formazione del RLS

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza sul lavoro (RLS) deve avere una specifica formazione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro come precisato dall’art. 37, comma 10 del D.Lgs. 81/08. Le modalità, la durata e i contenuti specifici del corso RLS sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva nazionale (art. 37, comma 11 D.Lgs. 81/08).


Se desideri approfondire l'argomento ti consiglio di leggere questo articolo:

Che corso devi svolgere se sei RLS

Professionista con più di 25 anni di esperienza maturati nell’ambito della gestione dei servizi di medicina, formazione e sicurezza sul lavoro, fornisce consulenza alle Aziende che desiderano tutelarsi da tutte le sanzioni in cui si potrebbe incorrere a causa del vastissimo quadro normativo concernente la sicurezza sul lavoro (D.Lgs 81/08). Docente dei corsi di formazione per le figure professionali previste dal D.lvo 81/08.