Svolgimento diretto del datore di lavoro dei compiti di primo soccorso

Svolgimento diretto del datore di lavoro dei compiti di primo soccorso1 Minuti di Lettura

L’11 giugno 2015 è stato approvato in via preliminare dal Governo, il D.Lgs attuativo del “Jobs Act” .Questo decreto contiene disposizioni di razionalizzazione e semplificazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

Le principali modifiche riguardano:

  • lo svolgimento diretto del datore di lavoro dei compiti di primo soccorso, nonché di prevenzione degli incendi e di evacuazione. Tale svolgimento può essere fatto anche nelle imprese o unità produttive che superano i cinque lavoratori;
  • l’abolizione dell’obbligo di tenuta del registro infortuni, connessa all’ emanazione del decreto interministeriale per la prevenzione nei luoghi di lavoro (SINP);
  • la revisione della composizione del Comitato per l’indirizzo e la valutazione delle politiche attive e per il coordinamento nazionale delle attività di vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro, al fine di semplificare e snellire le procedure di designazione dei membri;
  • la trasmissione all’INAIL del certificato di infortunio e di malattia professionale esclusivamente per via telematica;
  • la riduzione dei componenti della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro;
  • l’introduzione di una nuova procedura di ricostituzione della Commissione e un aggiornamento delle funzioni ad essa istituzionalmente attribuite;
  • la messa a disposizione al datore di lavoro di strumenti tecnici e specialistici per la riduzione dei livelli di rischio;
  • il miglioramento del processo di acquisizione delle informazioni necessarie per il calcolo del premio assicurativo attraverso la realizzazione di un apposito servizio sul portale dell’INAIL;
  • la trasmissione all’autorità di pubblica sicurezza delle informazioni relative alle denunce di infortunio mortali o con prognosi superiore a trenta giorni a carico dell’INAIL, esonerando il datore di lavoro;