L’accordo Stato Regioni del 2016 sottolinea che “In tutti i corsi obbligatori di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro, fatti salvi quelli nei quali i requisiti dei docenti siano già previsti da norme specifiche, i docenti devono essere in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’art. 6, comma 8, lettera m-bis), del D.Lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014”.

I criteri richiesti per la figura di formatore

I criteri che assicurano il livello base richiesto per la figura del formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro sono sei e sono stati scelti e strutturati per garantire la compresenza dei tre requisiti indispensabili per un formatore: conoscenza, esperienza e capacità didattica.

I suddetti sei criteri si basano su istruzione, formazione del formatore e pregresse esperienze nell’attività formativa sulla sicurezza sul lavoro, soprattutto in tre aree tematiche: area normativa/giuridica/organizzativa; area rischi tecnici/igienico-sanitari; area relazioni/ comunicazione.

La qualificazione del formatore verrà riconosciuta dal possesso del prerequisito e di uno tra sei criteri.

Il prerequisito del formatore

Diploma di scuola secondaria di secondo grado.

Tale prerequisito non è indispensabile per i datori di lavoro che effettuano direttamente la formazione per i propri lavoratori.

I sei criteri di qualificazione del formatore:

  1. precedente esperienza come docente esterno nell’area tematica oggetto di docenza per almeno 90 ore negli ultimi tre anni;

  2. laurea coerente con le materie oggetto della docenza ovvero corsi post laurea nel campo SSL più una delle seguenti specifiche: “percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione”; docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza; docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia; affiancamento a docente, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia;

  3. possesso di un attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a corso/i di formazione della durata di almeno 64 ore in materia di salute e sicurezza sul lavoro (organizzato/i dai soggetti di cui all’articolo 32, comma 4, del Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i. e dai soggetti abilitati alla formazione di RSPP e DLSPP definiti dall’Accordo 2016). Inoltre almeno 12 mesi di esperienza lavorativa o professionale coerente con l’area tematica oggetto della docenza. Più una delle seguenti specifiche: percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione; docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza; docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia; affiancamento a docente, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia;

  4. possesso di un attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a corso/i di formazione della durata di almeno 40 ore in materia di salute e sicurezza sul lavoro (organizzato/i dai soggetti di cui all’articolo 32, comma 4, del Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i.). Inoltre almeno 18 mesi di esperienza lavorativa o professionale coerente con l’area tematica oggetto della docenza. Più una delle seguenti specifiche: percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione; docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza; docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia; affiancamento a docente, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia;

  5. esperienza lavorativa o professionale almeno triennale nel campo della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, coerente con l’area tematica oggetto della docenza. Più una delle seguenti specifiche: percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione; docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza; docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia; affiancamento a docente, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia;

  6. esperienza di almeno sei mesi nel ruolo di RSPP o di almeno dodici mesi nel ruolo di ASPP (tali figure possono effettuare docenze nell’ambito del macro-settore ATECO di riferimento). Più una delle seguenti specifiche: percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione; docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza; docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia; affiancamento a docente, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia.

Il formatore deve aggiornarsi?

Per mantenere la qualificazione, i formatori sono obbligati ad effettuare:

  • un corso di aggiornamento di almeno 24 ore con cadenza triennale

  • oppure sostenere almeno 24 ore di docenza nell’arco di 3 anni.

HAI BISOGNO DI AGGIORNARTI

Consulta sulla nostra piattaforma e-learning certificata l’elenco corsi per formatori


ACQUISTA IL CORSO

Quali caratteristiche deve avere un buon formatore per la sicurezza?

Affinché l’apprendimento risulti efficace, è necessario che il docente per la sicurezza sul lavoro si concentri sul concetto di “apprendimento ed educazione degli adulti”. Esso consiste nella capacità di comprendere le necessità, gli ambiti di interesse e i processi di assimilazione negli individui adulti.

Formare una persona alla sicurezza deve innanzitutto inspirare un senso di consapevolezza e di coscienza nell’individuo, portando quindi il lavoratore a capire come operare in sicurezza, con piena cognizione della propria mansione, del proprio ruolo e della propria responsabilità.

 

 

Ti potrebbe interessare